KeyVisual

Possiamo fidarci di sistemi software che imparano?

Lugano, Piazza Riforma, 6900 Lugano

03.09.2019, 11:40 - 12:05

Salva nel calendario

Talks

I miei dati

Lugano Living Lab, Città di Lugano

Le reti neurali artificiali "profonde" hanno visto un incredibile sviluppo negli ultimi anni e hanno raggiunto prestazioni elevate nello svolgere compiti tradizionalmente difficili per i computer, quali la capacita' di guidare autonomamente un veicolo o di esprimersi in linguaggio naturale. Tuttavia la modalita' di funzionamento di questo tipo di software e' radicalmente diversa da quella del software tradizionale, in quanto il comportamento del software viene appreso dai dati anziche' essere programmato. Viene quindi spontaneo chiedersi se possiamo fidarci di tali sistemi software.

Il progetto europeo Precrime si ispira ad uno dei sogni ricorrenti della fantascienza: poter arrestare i criminali prima ancora che commettano crimini. I ricercatori del progetto hanno l'obiettivo di identificare i deboli segnali che predicono un comportamento indesiderato di una rete neurale artificiale, al fine di intervenire sul sistema e correggere l'errore prima che causi dei danni. Le applicazioni di tale tecnologia innovativa di testing del software spaziano dalla robotica alle auto a guida autonoma, per includere i sistemi di trading automatico, i medici virtuali ed i chatbot dei servizi clienti. 

Speaker
Prof. Paolo Tonella, professore ordinario presso la Facoltà di scienze informatiche e presso l'Istituto di software dell'Università della Svizzera italiana (USI)

Promotore
USI - Universià della Svizzera italiana
Facoltà di Informatica
inf.usi.ch

Photo credits
Pixabay